Regola 11

Lascia in pace i ragazzi che vanno con lo skateboard è la regola 11 del libro 12 regole per la vita. Un antidoto al caos di Jordan Peterson.

In questo capitolo lo psicologo canadese parla soprattutto di mascolinità e di come i ragazzi, specialmente i giovani abbiano bisogno di prove di coraggio per il loro sviluppo personale. Peterson si scaglia contro chi demonizza la virilità e le prove di coraggio, delle tappe necessarie per la crescita dei teenagers. 

Prove di coraggio

Ecco le parole di Jordan Peterson riguardo al capitolo 11 del suo libro, tradotte in italiano. 

“Si tratta di una diserzione sulla mascolinità. All’università mi piaceva guardare i ragazzini fare skateboard su St. George Street, era piuttosto cool, perché come sai San Giorgio era l’ammazza draghi, una bella coincidenza. C’erano questi corrimano in ferro molto lunghi, e questi teenagers facevano skate sul corrimano. Il pavimento è in cemento armato con scanalature, di certo non vuoi atterrare su un terreno del genere. Guardarli era davvero uno strazio.”

“I ragazzi non usavano protezioni, e alla fine l’università finì per mettere dei dispositivi per fermarli. Una decisione per cui mi lamento in questo capitolo per una serie di ragioni. Mi faceva guardare quei ragazzi fare quelle cose da pazzi, perché stavano provando a diventare competenti. Stanno facendo fronte al pericolo e non vogliono usare protezioni. Quello che stanno cercando di fare è andare incontro al pericolo e fronteggiarlo. Puoi dirti che è stupido, ma io penso che sia coraggioso. E quando ce la fanno è stupendo, è davvero incredibile.”

“La gente pensa che cose del genere dimostrino stupidità. Non è vero, quei ragazzi stanno mettendo alla prova il loro coraggio, stanno fronteggiando il pericolo. giovani uomini devono passare per questo tipo di comportamenti, che spesso sono demonizzati nelle scuole come mascolinità tossica. Lasciate stare quei ragazzi, i ragazzi hanno bisogno di fronteggiare dei pericoli per la loro crescita. Devono spingersi ai limiti delle loro abilità, spingersi ai limiti delle proprie competenze. “